Anissa Taouil Hassouna - Concorso Lagunando

Vai ai contenuti

Anissa Taouil Hassouna

LAGUNANDO 2020 > selezionati 2020
Poetessa e autrice spagnola-marocchina, nata in Marocco.
Ha studiato post-laurea in Gran Bretagna. È un’insegnante di inglese, scrittrice e poetessa che scrive in 5 lingue, è inoltre una pittrice e fotografa.
Ha pubblicato: Rhapsodies (Rabat 2000), Moroccan Writers in English (Oujda 2002) e My Book of Many Colours, (Casablanca 2017).
Ha vinto quattro premi: Premio Eminescu (un premio di traduzione, Romania 2018),
Premio di creatività e tolleranza, (un premio di poesia, Indonesia 2018),
un Premio di poesia (Italia, Venezia 2019)
e Premio di poesia di pace (Casablanca 2019).
LEGGERE LAGUNE
POESIE
Utopia



Il mio mondo ideale
Paesi senza frontiere,
Né fili o barriere,
Nemmeno visti, assedi
Neanche artiglierie.

Sogno un mondo unito,
Armonioso incorporato
Nazioni indivise
Alleate,
In una mappa della
Fratellanza tracciate.

Il mio mondo ideale
Travolgesolidarietà,
Fiero di pace
Di fraternità
Respira diritti uguagli

E là dove
Legge della giungla
Non ha realtà.

La mia utopia è un mondo ideale
Dove le razzi
I colori
Suonano per l’uomo una sinfonia
Di candori  

Culti e religioni
Dialetti e lingue
Pregano un unico creatore

La dove odio
Pregiudizio differenza
Si trasformano
In misericordia e tolleranza
Che sfociano nella divina riverenza.

L’utopia siamo noi,
Io e te,
Lui, lei, loro,
Là dove violenza è assente e
Là dove
Splendono raggi d’amore
Di compassione e
Il mio ideale mondo
È l’immensità del Cosmo.

Quella piccola cosa


A causa della tua incomprensione, grossolanità,
Mancanza di autocontrollo e malumore,
Mi hai fatto sentire ripetutamente così piccola;
E sebbene il tempo sia passato, cado ancora e cado.

Nel mio mondo attuale, sprofondo nella perdita, grande dolore,
Disturbi interminabili di routine e potenzialmente letali;
E poiché il disagio perpetuo interferisce,
Soffoco, nonostante la mia gioia di breve durata e alcuni piacevoli souvenir.

Mi chiedo se nel mezzo del mio dolore e delusione,
Io abbia ancora la possibilità di riacquistare autostima e incanto;
Mentre assordato e accecato dalla mentalità ristretta e dall’ostinazione,
Rimani tristemente riluttante a percepire la mia fondamentale esigenza.

Non ho bisogno né di diamanti né di oro;
Né di viaggi costosi in tutto il mondo
Né che tu prometta spesso di rimanere.

Quella piccola cosa è: SCUSA.
Una sola parola / Può cambiare il mio intero mondo;
Una sola parola / Può guarire la mia profonda ferita.

Sì, quella piccola cosa è: SCUSA.
Non è solo un segno di galanteria e coraggio,
Ma ha significato, senso
E un’influenza magica.
È avvincente come il sole brulicante di luce e calore nella mia giornata,
E alleviamento come le stelle che brillano nella mia lunga notte oscura.
SCUSA, è la porta segreta del mio regno,
benedetta dalla gioia e l’invocazione miracolosa di rianimare la mia anima dal suo stato senza vita.
È il rimedio per il mio cuore spezzato
Frantumato da desolazione, malinteso e tormento;
E che, purtroppo, non ha alcun recupero
Perché SCUSA non esiste nel tuo dizionario.

Essere o non essere


Una volta ritirate le maschere sconcertanti,
Sono noti amici veri o falsi.
Con l’abbondante copioso inganno,
La triste vita il diluvio sorprende,
La vita si intreccia e le preoccupazioni si sommergono.
Abbattuto in profonda angoscia,
Di conseguenza, sprofondo costantemente nel dolore e nella solitudine
Come l’unico albero nel deserto di una savana,
Di cui il freddo vento del nord strappa i suoi piccoli rami
E il polveroso Harmattan lo scuote forte in tutte le direzioni.
Tuttavia, resiste senza disperazione
O sfinimento, in un mondo così ingiusto.

Mi sento circondato da uno spazio illimitato,
Vuoto e vuoto
Pur vivendo in un luogo affollato;
Un entourage di menti grottescamente vuote.
È deplorevolmente così toccante quando nell’ubiquità di molti,
Ci si possa ancora sentire miseramente soli.
Apparteniamo a due mondi, divisi dai tradimenti
E derubato dalla tristezza, dall’avidità e dai licenziamenti.
Non abbiamo nulla in comune, a causa degli intrighi degli egoisti,
Ora che il forte che danneggia il debole è sul doppio,
Ricorda la lotta continua buona e cattiva
Come in una vecchia leggenda, mito o storia di favole:
La caccia o essere cacciati allegoria.

Pensavo che la legge della giungla esistesse solo nella giungla,
Non tra accademico, pensatore e intellettuale
Chi dovrebbe essere genuinamente civilizzato
E dotato di ragione, opportunamente umanizzato.
Ora, cosa distingue l’analfabeta dall’educato?
Cosa accerta le epoche oscure da quelle con le scienze illuminate?
A quelli che salgono in cima, inseguendo costantemente la vittoria,
Dico: la legge della giungla sussiste in modo intermittente errato;
E sebbene ritenuto disperato e inutile,
Sono consolidato con degni valori e principi umani
E dotato di ottimismo, fede e fiducia in se stessi.
Puoi chiudere o anche sbattermi le porte in faccia,
Ho ancora finestre attraverso le quali posso estendere e allargare il mio spazio.

Io, me stesso ed io, soli e soli,
Ho imparato a usare la solitudine positivamente.
Quindi, il tempo parlerà da solo e finirò vittorioso
Di fronte a tutti gli onnipotenti traditori;
E come l’unico albero che attraverso il bluster resiste e sopravvive,
Devo affrontare la carenza di amici legittimi e tangibili.
Provando inizialmente angoscia e disperazione,
Ma con forza d’animo e bontà, non mi perderò mai.

I miei amici non sono più miei amici,
Hanno dimenticato la cordialità, la moralità e i saluti.
A volte è indubbiamente difficile da sopportare,
Così come ci vuole molto tempo per curare
Le lesioni, profonde e dannose,
E le cicatrici, persistenti e dolorose.
Ma è possibile riguadagnare allegria,
Per assaporare un nuovo divertimento
E per recuperare il sorriso di incanto.
Sì, vale la pena provare.

Un sogno eterno



Mi ha confidato un uccello
L’ora della libertà
Mi ha sussurrato
Sul alba della nascita

Mi ha ispirato pazienza  
Perché dopo la tempesta   
Giunge la divina clemenza
Per il mio triste cuore purezza

Ho attraversato la nuvola dell’angoscia
Le mie lacrime hanno dominato il sorriso
E Ho abbracciato volontà con tenacia
Afferrando il mio eterno e divino sogno

Ha raccontato un uccello passeggero  
Udendo il mio sogno misto di sospiro
Di non spaventarmi dalle nuvole
Seppure vengono rubate le stelle  
Non moriranno i miei sogni
Seppure si asciugano i mari
Si seccano dai profumi i fiori
E il sole si dimentica di sorgere.
Non moriranno i miei sogni
I miei sogni
I miei sogni
Tornati a me
Non reclamare la fine
Non reclamare.
  
                                                                                  

Torna ai contenuti