Roberta Zanella - Concorso Lagunando

Vai ai contenuti

Roberta Zanella

Nata a Jesolo 41 anni fa, ha fatto gli studi classici, ma ora frequenta il Liceo Artistico serale.
Ama scrivere poesie.

VOLPE



Una Volpe   era

Nel mio   cuore

Non ero io

Non era mia

Era la Volpe

Pativa   immense pene

Ella si   agitava

La grande   Luna l'affliggeva

Si mordeva   ardente

La soffice   coda

La Volpe era   nel mio cuore

Soffrivo il   suo dolore

La tenevo in   me con cura

Erigendo   dighe di cristallo

La Volpe era   nel mio cuore

Ma è tornata   la Grande Luna

Traditrice   attenta

Che domina   ogni pietra

La Volpe era   nel mio cuore

Mi sono   distratta

Mi ha   squarciato il petto

Ed è fuggita

La Volpe ora   è lontana

La mia carne   sanguina

Il cuore   batte inutile

Un ritmo   fuori tempo

Frammenti di   cristallo

Brillano al   chiaro di Luna

Ho mani   esangui

Che non   accarezzano più nulla

La Volpe era   nel mio cuore

Fa molto   freddo ora

Ella è forte   e altera

Non teme il   nero bosco

Ma io non ho   più

La Volpe mia   infuocata

Tornerà la   Luna

E mi troverà   disarmata

Una Volpe ho   ancora

Nel cuore   mio marchiato

Torna da me   mia Volpe

Prima che   torni la Luna

Erigerò mura   di madreperla

E alte torri   di ossidiana

Ove tu   potrai giocare

E troveremo   pace

Insieme

 ANTINOO


Come puoi   avere occhi

Così grandi   che paiono voler

Rubare ogni   colore allo spettro

Della luce

E il mio   respiro da quando nacqui

E rendere   indietro alla vita

Ogni cosa   più pura

Più vera   indifesa come se non

Mettessi   tutto a repentaglio

Irresponsabile!

Chi ti ha   fatto quelle labbra

Essenza   stessa del baciare

Volontà   ancestrale di possesso?

L'universo   si è scisso in atomi

Solo per   sottomettersi

Miliardi di   volte e ancora e sempre

Al suono   della tua voce

E così si   affanna

In costante   evoluzione

Per far   posto al tuo modo

Di stare al   mondo fanciullesco

Non puoi   esser meno di ciò che sei

E io temo tu   sia ancor di più

Ma chissà se   saprò mai

Cosa vedi   quando guardi

Un albero   antico un volo di gabbiani

Un manifesto   vecchio che si stacca

Dalla parete   a cui è stato condannato

Oh, come   vorrei non restare qui

Affissa a un   muro

Poter   scendere per entrare

Nel tuo   spazio vitale

Solo per un   momento

 ALLA VITA


Che di tutti   i cammini

Che scelsi

Pochi mi   furon favorevoli

Che di tutta   la passione che spesi

Poca mi   scaldò

Fin dentro

Che di tutte   le risa che donai

Poche mi   presero per mano

Che di tutte   le lacrime che piansi

Per altri

Poche   calmarono la mia sete

Così giunse   la mia morte

A questo   mondo distratto

Mi venni   meno in mezzo a un prato

Mentre   coglievo urtiche

Adesso io   rinasco

E a me sola   innamorata canto

La canzone   di chi non tradì mai

L'anima sua   fedele e libera

Partorita da   me stessa

Il ventre   mio fecondo e gravido

Di seme di   Leonessa e Fuoco

Vengo al   mondo con una spada

E un   vessillo al cielo innalzo

Guardate   tutti

Come   ruggisce al vento!

Via dal mio   cammino i pavidi

Ché non ho   più mani

Ora io Vivo

 FEMMININO SACRO


E saremo   folli

Matte da non   credere

Artiste   sconsiderate

E prive di   pudore!

A tutti   mostreremo

Seni glutei   e genitali

Mazzetti di   peluria

Di svariate   sfumature di goduria

Noi streghe   sfacciate

Le bocche   piene di cibo e vino

Chissà quali   sconcezze canteremo!

Noi tutte   sorelle e madri e figlie

Delle nostre   antiche dee

Porteremo   fiori tra i denti

E falene nei   capelli

O capi rasi   tatuati dei nostri sogni

Capezzoli   due uno o nessuno

Il petto   nudo al sole e al vento

Grideremo:

"Questa   terra è Madre

e figlia del   mio ventre!

Chiama col   suo nome la vagina

Che ti   accoglie!".

Elargiremo   doni solo a chi ci garba

Morirà di   fame e sete

Chi non   verrà sulle ginocchia

Perché ti   chiedi ancora cosa

Hai mai   sbagliato?

Perché   insisti a vivere come un sacrifico?

Cretina!

Mordi   affondo questa bella mela

Struscia con   forza le cosce

Sulla   quercia

Intingi le   unghie nel sangue

Del   miserabile blasfemo

E disegna   sul tuo pube

Il Pentacolo   Eterno!

PER NINO



Vieni Nino

Che ti   racconto una storia

La storia   del Nonno

Quando era   piccino

Perché bimbo   fu anche lui

Amava tanto   il gelato

E fare il   matto

Crebbe   ramingo e forte di braccio

Aveva una   chioma come un leone

Nell'isola   che tutti vogliono

Imparò a   battere forte il martello

Poiché amava   il fuoco

E scherniva   gli uomini

Ma non   l'onesto ferro

Nino

Lascia stare   la raganella

Vieni più   vicino e ascolta

La storia di   chi è stato prima

Nacque in un   paese distante

Alto fiero e   acuto di mente

Portava in   cuore tutto l'amore

Per gli   ultimi oppressi

Da chi in   mezzo alla Roba nasce

Decise che   avrebbe istruito i giovani

E visitato   l'intero mondo

Per tutta la   vita portò la sua criniera

Come un sole   per gli altri

Nino

Posa il   sasso su quel terreno

E siedi qui   vicino a me

Presta   attenzione alle mie parole

Ti narro la   storia di chi ancora c'è

C'era un   padre che troppo presto morì

E una madre   solida e forte

Crebbe il   nonno con gentilezza tra i flutti

Lui si armò   di pennello e molti colori

Cercò le   radici fra acidi e fluidi

Trovò una   via storta e la mise su tela

Ricucendo lo   strappo che il destino gli inflisse

Placido e   indomito il suo cuore ruggisce

Nino

Ora dammi la   mano

Adesso che   sai

Che l'acqua   salsa e il vento

Qui ti han   portato

Aiutami a   ridare alla terra

Ciò che per   un tempo ci è stato dato

Lasceremo   alle maree

Una rosa   arrugginita

Un libro   scucito

Un   arcobaleno sbiadito

Nino

Non piangere

È dentro di   te

Quella   passione che li ha armati

A essere dei   soldati

Non è una   guerra fra impari

Che ti   chiamerà al fronte

La vita tua   ai giusti

Ho donato   quando nascesti

E sarò   sempre qui con loro

Tra questo   mare che vuol salire

E   quest'isola regina

Che chiede   solo di invecchiare

Non aver   timore di pensarci mai

Siamo le tue   robuste ossa

E il tuo   sguardo che ci scruta

Che ci dice   che abbiamo fatto

Tutto ciò   che potevamo e oltre

Ci dà pace e   ci accompagna

Lì dove la   via diverge

Su ora Nino

Alzati e va   da solo

Non portare   in mano nulla

Ciò che ti   occorre sei già tu

Adesso vola

Torna ai contenuti