Lucia Ferro - Concorso Lagunando

Vai ai contenuti

Lucia Ferro

Nata a Murano (Venezia), nel 1955.
Ha sempre abitato nella zona lagunare, ed è da 33 anni a Cavallino-Treporti, che ama di tutto cuore.
È fisioterapista. Sposata, ha due figli.
Fin da bambina scrive, per lo più poesie.
È cofondatrice del gruppo “Parola di Donna”. Ha vinto nel 2000 il premio nazionale di poesia Nazionale Walter Tobagi.
Nel 2011 ha dato alle stampe insieme al pittore Luigi Piva “Il Gelso di Ninn”, racconto poetico ispirato dal vecchio affascinante Gelso bianco prospiciente il Forte Vecchio.

ANCH’IO SON NOTTE, E GIORNO



Anch’io son notte, e giorno:

giorno

t’incontro come vento,

come oscillare d’acqua,

come barca, urto, caduta, piede.

Nel sonno di me Isola

un silenzio si spande

tondo come Notte.

Affondano ora le mie radici,

e corrono

e si stendono

fino alle radici prime

di te

di me.

 QUANDO IN LAGUNA DIMENTICO


Quando in laguna dimentico

di avere radici

e le onde mi sembrano

la mia unica terra,

col cuore in gola cerco

immagini,

àncore,

porte per dove

non mi so trattenere.

Capitèi.

… A San Giacomo soto   la crozeta

bianca,

‘na   Madona.

  C A P I T E Ł I



Capitèłi!  … uno in qua, uno in là,

come su un fassołeto, gropi

a ricordar calcossa che no so

se ‘l xé vero opur sognà.

...Come łampi de sol su finestre che se vèrze,

come su un veło sbreghi,

i capitèłi al volo ‘i me ciapa el cuor - par mèza ànema!,

‘i me parla, ‘i dize: salta fora dal to’ moverte insensà, férmite

par pèrderte

ła zò, dentro al to cełeste,

al to verde, al to rosso,

al to cantar bonora de ozełeti,

al to fis-ciar łiziero co fa uno de łori,

al to tiepido de sol,

al to bater łongo łongo de pioveta fina,

ai to zòghi dei putei,

al to tegnir qualchedun par man,

in cuor, sì,

ai to

‘capitèłi’...

...’Capitèłi’ in qua in là,

fati de marmo… o de mosaico a cołori!, o de incontri!,

de verzerse de oci,

de russarsełi par dormir, o par svegiarse, capitełi fati de ridàe,

de ben cassàe batùe.

…De nuarse dentro,

de - nati de colpo - siłensi picenini.

 R A Ì S O Ł E


Un’isoła so’,

ma xé la mia raìse

più fonda

del fondo del mar,

là, sul fogo deła tera.

***

…Fin su par l’aria łe se parla

łe isole in laguna,

co’ scampanar de rami, de foge,

co’ rèfołi nui,

co’ rumori sgranà.

… par l’aqua łe se parla,

che sta tuta intorno, da meduse strucà

come in tanti bater de cuor,

e a bòvołi fata

da creature a miłera.

Là, par su vardando,

ogniuna

dełe isołe nostre ’scolta ła łuna,

che co’ brene bianche ła comanda

l’alsarse, ‘l sbassarse,

dełe còtołe sue, de raso squagià.

***

Ma

soto ła tera

che sta soto al mar,

forte se tien ‘e isołe insieme

par tute ‘e più fonde raìze.

 S. FRANCESCO DEL DESERTO


L’isola del Santo

la mostra d’esser nìo, protetta.

Co’ un çercio de cipressi,

xé forte e neto ‘l disegno del contorno.

Torna ai contenuti